L’INTERVENTO DEL CONSIGLIERE DI MAGGIORANZA DE CORATO A PROPOSITO DELLE ASSEGNAZIONI DELLE CASE ALER IN TUTTA LA REGIONE

12

Abbiamo presentato un’interrogazione in Consiglio regionale per chiarire la situazione delle case Aler, dato che sono sempre di più le occupazioni abusive e le presenze di cittadini stranieri a scapito di quelli italiani

«La risposta che mi è stata data in aula è davvero sconfortante per chi crede che negli alloggi popolari debbano andare prima i nostri connazionali. Negli ultimi 4 anni tutte le Aler hanno visto aumentare il numero di assegnazioni a extracomunitari: a Milano e provincia sono il 46% del totale, a Bergamo il 45%, a Brescia-Cremona-Mantova il 49% e a Varese il 37%. Insomma, le case costruite con i fondi Gescal dagli italiani vanno per metà a stranieri, per buona pace dei 23mila milanesi sono in attesa di un appartamento. I dati poi comunicati in Consiglio Regionale in merito alle occupazioni abusive confermano che a Milano e provincia c’è un fenomeno incontrollato, un vero assalto a forte apache. Siamo quasi a quota 4mila occupazioni abusive (per l’esattezza 3887), principalmente ottenute per effrazione (2653). Parliamo di appartamenti che dovrebbero andare alle persone regolarmente in lista di attesa e che invece vengono prese da chi non ne ha diritto. Chi urlava quindi allo scandalo per il nuovo regolamento Aler riguardante le assegnazioni – che andrebbe a favorire i residenti in Lombardia – dovrebbe riflettere su questi numeri. Ricordiamo che è stato recentemente approvato in V Commissione regionale il Regolamento delle assegnazioni dei servizi abitativi pubblici. “Prima gli italiani”: per questo Fratelli d’Italia si è battuta, per il premio di residenzialità e per l’obbligo di presentare un documento che attesti che i cittadini extracomunitari che chiedono la casa Aler non possiedano altri appartamenti nei Paesi d’origine. Siamo ormai di fronte ad un razzismo al contrario e se qualcuno si dovesse sentire discriminato nella gestione delle assegnazioni degli alloggi, questi dovrebbero essere gli italiani»!

Riccardo De Corato, capogruppo di Fdi in Regione Lombardia