4 MARZO 2018 – ELEZIONI REGIONALI DELLA LOMBARDIA

IL POPOLO DI FACEBOOK HA GIÀ DECISO CHI VINCERÀ LE PROSSIME ELEZIONI REGIONALI

Abbiamo analizzato i profili Social dei tre maggiori competitors per la vittoria finale e il risultato è stato sorprendente

Chiudiamo gli occhi e immaginiamo per un attimo: Se solamente il popolo di Facebook votasse alle prossime elezioni regionali della Lombardia del 4 marzo 2018, forse il risultato finale non sarebbe quello che ci si attende. Supponiamo che all’appuntamento elettorale che si terrà tra pochi giorni possano votare solo coloro che hanno un profilo su Facebook e siano residenti in Lombardia. Allo stato attuale stiamo parlando di circa 5 milioni 900 mila persone su 7.700.000 aventi effettivamente il “normale” diritto di voto, circa il 75% dell’intero corpo elettorale. E come in ogni elezione che si rispetti del nuovo millennio, tutti i candidati alla carica di Presidente della Regione hanno una propria Pagina sul social network fondato da Mark Zuckerberg: Una pagina sulla quale inserire le ultime foto di campagna elettorale, dove condividere i propri programmi oppure dove lanciare anatemi contro l’avversario politico di turno.

Scendiamo più nello specifico e analizziamo i tre contendenti più accreditati per la vittoria finale.

Il candidato del centro destra è Attilio Fontana, ex sindaco di Varese e subentrato in corsa, ai primi dello scorso gennaio, dopo che il Presidente uscente Roberto Maroni aveva deciso la non ricandidatura. Al momento dell’uscita di questo numero (22 febbraio 2018, ndr), la Pagina Fans conta circa 20.500 adepti che ogni giorno, più volte al giorno, vengono messi al corrente delle mosse del loro candidato. Fontana è un candidato molto prolifico per numero di post pubblicati: in poco meno di due mesi dalla messa online della Pagina 650 post hanno popolato la sua bacheca, circa 13 post al giorno. L’engagement, cioè la capacità di coinvolgimento delle persone sui Social, è stato pari a 122.000 utenti con un coinvolgimento per post pubblicato di circa 200 persone.

Il diretto concorrente per lo scranno più importante di Palazzo Lombardia è Giorgio Gori, candidato del centro sinistra, Sindaco in carica di Bergamo con un passato nelle reti televisive di proprietà di Silvio Berlusconi. Gori ha il vantaggio di possedere una pagina Fans da molto tempo prima rispetto Fontana, che gli potrebbe consentire di godere di una “coda lunga” nel rapporto instaurato su Facebook. I fans sono circa 43.000 che hanno potuto leggere 140 post dal primo gennaio 2018. Rispetto Fontana, si può subito notare come Gori usi in maniera centellinata Facebook ma questo non significa una minore interazione con i suoi supporters: è riuscito a coinvolgere circa 172.000 persone con una media a post di 1.300 users engaged.

Fontana si distingue per la quantità di contenuti riversati sul web, Gori per la capacità attrattiva dei suoi post che riescono a solleticare meglio il popolo internettiano.

Un ruolo importante viene giocato dal terzo competitor accreditato per la vittoria finale. Si tratta del candidato per il Movimento 5 Stelle Dario Violi. Il M5S è risaputo sia più avanti rispetto i restanti partiti tradizionali in termini di partecipazione al mondo internet, vediamo se Violi mantiene queste premesse. Violi è riuscito ad aggregare, dall’inizio dell’anno, circa 18.000 “Mi Piace” scrivendo intorno ai 280 post. Ha coinvolto 95.000 persone con una media di 350 users coinvolti ogni volta che veniva postata una foto, un video oppure una dichiarazione del candidato.

Dario Violi è riuscito a piacere a più persone rispetto Fontana ma deve pagare pegno rispetto Gori. Buono il suo coinvolgimento per post ma anche in questa classifica il candidato del centro sinistra sembrerebbe primeggiare.

In conclusione, se solamente gli elettori iscritti a Facebook potessero votare per le prossime regionali lombarde si potrebbe avere un esito sorprendente: dopo parecchi anni il centro sinistra guiderebbe con Giorgio Gori la Regione Lombardia, relegando il candidato del centro destra Fontana al terzo posto. Dario Violi porterebbe i 5 stelle a un risultato storico, occupando il secondo gradino del podio, fungendo così da prima opposizione in Consiglio regionale.  Il popolo di Facebook così si è espresso.

Di Francesco Cau