Incontro con il Comitato esecutivo della NCSL, la Conferenza Nazionale degli Stati legislativi degli USA

Il Presidente del Consiglio Regionale Alessandro Fermi: «Ci accomunano la stessa visione della società e valori primari come la libertà e la centralità della persona»

Le relazioni istituzionali tra la Lombardia e gli Stati USA sono sempre più forti e significative, improntate a uno spirito di viva cordialità e di reciproco interesse finalizzato a approfondire e sperimentare nuove e ulteriori possibilità di collaborazione non solo in campo legislativo e amministrativo, ma anche in ambiti produttivi e commerciali. A confermarlo è stato l’evento dello scorso 9 settembre a Palazzo Pirelli, dove i componenti del Comitato esecutivo della NCSL, la Conferenza Nazionale degli Stati legislativi degli USA, guidati dal Presidente Robin Vos, sono stati accolti e si sono confrontati con la delegazione lombarda guidata dal Presidente del Consiglio regionale Alessandro Fermi. «I nostri Paesi e i nostri territori sono accomunati da una concezione comune e condivisa del modello di comunità in cui si riconoscono e a cui appartengono, quella occidentale, che mette al centro valori comuni, in primo luogo la libertà e la centralità della persona e dei suoi diritti inalienabili –ha evidenziato il Presidente Fermi introducendo i lavori-. I nostri parlamenti regionali sono un presidio fondamentale per lo sviluppo della rappresentanza, perché vicini alla gente nel processo di mediazione con i governi centrali, spesso troppo distanti per essere in grado di garantire adeguate risposte alle esigenze dei territori e delle persone. La NCSL rappresenta i parlamenti di un sistema federale maturo, da cui abbiamo tante cose da imparare, mediante lo scambio di informazioni e di buone pratiche, soprattutto in un momento storico in cui la Lombardia è fortemente impegnata a cercare di ottenere dallo Stato centrale migliori e maggiori forme di autonomia: abbiamo avviato un percorso difficile e ricco di ostacoli –ha concluso Alessandro Fermi– ma forti del consenso e della volontà popolare, come lombardi faremo tesoro dell’esperienza americana e non smetteremo mai di rivendicare quell’autonomia che è stata sancita in modo inequivocabile anche dal voto referendario». Ad accogliere la delegazione americana erano presenti anche il Vice Presidente del Consiglio regionale Carlo Borghetti, i Presidenti delle Commissioni “Bilancio” Marco Alparone (Forza Italia), “Cultura” Curzio Trezzani (Lega), “Attività produttive” Gianmarco Senna (Lega) e “Antimafia” Monica Forte (M5Stelle), e i Consiglieri regionali Roberto Anelli (capogruppo Lega), Giacomo Cosentino Basaglia (capogruppo Lombardia Ideale), Fabio Pizzul (capogruppo Partito Democratico), Raffaele Erba (M5Stelle) e Marco Degli Angeli (M5Stelle), che è intervenuto come Vice Presidente del Comitato Paritetico di Controllo e Valutazione. Tra i temi affrontati e oggetto di discussione, l’analisi degli strumenti di valutazione delle politiche legislative, l’importanza della cooperazione transnazionale nel contrasto alla criminalità organizzata, lo scambio di esperienze e best practices per migliorare la qualità e l’impatto delle legislature statali e regionali, le iniziative per migliorare e promuovere l’innovazione politica e il funzionamento del sistema federale. «Nel Sistema di suddivisione delle competenze tra Stato e Regioni, è riconosciuto un ruolo fondamentale alle Regioni nella gestione del Servizio Sanitario –ha dichiarato il Vice Presidente Carlo Borghetti-. La Costituzione Italiana individua tra i principi fondamentali del Servizio Sanitario i criteri di equità e universalità per garantire livelli di prestazione appropriati e omogenei per tutti i cittadini. Tra le nuove sfide –ha aggiunto Borghetti– le Regioni dovranno sempre più affrontare quei fattori che creano disuguaglianze di cura, quali le diverse possibilità economiche e i differenti luoghi di vita, specie rispetto ai problemi legati alla cronicità. Occorre inoltre modernizzare le strutture ospedaliere, soprattutto rispetto alle nuove tecnologie, affinché non si creino nei fatti disuguaglianze di risposta tra i territori».

«La società civile non si libererà della soffocante presenza della mafia che inquina ogni spazio socio-economico e imprenditoriale, fino a quando verranno tollerati al proprio interno atteggiamenti clientelari, conformistici o peggio conniventi –ha detto nel suo intervento la Presidente della Commissione “Antimafia” Monica Forte (M5Stelle)-. Dobbiamo cooperare insieme anche per raggiungere un radicale cambiamento culturale che consenta il riconoscimento e l’affermazione di valori fondamentali e irrinunciabili come la legalità, la solidarietà, la giustizia, il senso del dovere. Sono necessari ancora molti sforzi da parte di noi tutti, ma sono certa che questa impresa ci vedrà sempre più motivati e impegnati verso il perseguimento di un interesse comune». Intervento conclusivo è stato quello del Vice Presidente del Comitato Paritetico di Controllo e Valutazione Marco Degli Angeli (M5Stelle), che ha ricordato come «durante questa legislatura, il Comitato ha deciso di allargare la partecipazione promuovendo una consultazione pubblica telematica. La consultazione pubblica è una modalità finora inedita per una assemblea legislativa di aprirsi al confronto con i cittadini e le organizzazioni sociali. Il Comitato ha creduto nella opportunità di utilizzare uno strumento innovativo in particolare per raccogliere ulteriori spunti e opinioni al fine di migliorare la conoscenza sull’attuazione degli interventi regionali per l’inserimento lavorativo dei disabili, sollecitando il punto di vista degli operatori, pubblici e privati, che a livello provinciale erogano i servizi di dote lavoro disabilità. Una sperimentazione –ha concluso Degli Angeli- che ci proponiamo di estendere sempre di più».

All’incontro è intervenuto anche Brett Dvorak, Console per gli Affari Politici ed Economici presso il Consolato Generale degli Stati Uniti a Milano. Il Comitato Esecutivo della NCSL, istituita nel 1975, è composto da 63 membri eletti. Il Consiglio regionale della Lombardia e la Conferenza delle Assemblee legislative regionali d’Europa (CALRE) hanno voluto consolidare la collaborazione con la NCSL sottoscrivendo nel 2015 uno specifico Protocollo d’intesa durante il Summit Legislativo di Seattle. Al termine dell’incontro la delegazione statunitense ha visitato la mostra Genio e Impresa: Leonardo e Ludovico ieri e oggi” allestita a Palazzo Lombardia.

Il giorno successivo, martedì 10 settembre, la delegazione della NCSL composta da 83 legislatori in rappresentanza di tutti gli Stati degli USA, si è recata a Como in Camera di Commercio (via Parini 15) per un incontro con le Istituzioni locali, le associazioni di categoria e gli imprenditori del territorio i cui temi trattati sono stati: economia, turismo e attrattività territoriale del comasco. All’incontro hanno preso parte il Presidente del Consiglio Alessandro Fermi, il Presidente della Camera di Commercio lariana Marco Galimberti, il Sindaco di Como Mario Landriscina, i Presidenti di CNA Como Armando Minatta e di Confindustria Como Aram Manoukian.

Di Dario Mernone